racCONTAMI2024

racCONTAMI2024

5° Rilevazione dei Senza Dimora di Milano

12-16 febbraio 2024


Obiettivi e organizzazione

Nella settimana del 12-16 febbraio 2024 si svolgerà “racCONTAMI”, la rilevazione delle persone senza dimora a Milano, promossa dal Comune di Milano attraverso un affidamento di servizio alla Fondazione Ing. Rodolfo Debenedetti.

Il progetto sarà realizzato anche grazie alla preziosa collaborazione del LEAP (Laboratory for Effective Anti-Poverty Policies) dell’Università Bocconi e di numerose realtà del privato sociale che fanno parte della rete cittadina che opera nel campo dei servizi per e con le persone senza dimora e a contrasto della grave marginalità adulta.

L’iniziativa comporta un’ampia mobilitazione che ha lo scopo di raccogliere, in un determinato momento dell’anno, il numero delle persone senza fissa dimora presenti nel territorio della città di Milano. L’obiettivo del progetto è fornire una fotografia attendibile del fenomeno, cercando di meglio comprendere i profili e i bisogni delle persone senza dimora, e delle dinamiche che conducono alla marginalità e alla povertà estrema nella nostra città.

Il censimento 2024 sarà il quinto, dopo quelli di giugno 2023, e degli inverni 2018, 2013, 2008, di cui vuole essere il naturale proseguimento.

Il progetto è finanziato nell’ambito del Programma Operativo Complementare (POC) Inclusione 2014 – 2020.

La rilevazione invernale 2024 sarà effettuata:

  • Lunedì 12 febbraio 2024. Durante la notte, squadre di almeno 3 volontari si muoveranno all'interno di aree assegnate della città per contare (e intervistare) le persone senza dimora. Le aree della città saranno percorse principalmente a piedi, ma in alcuni casi sarà necessario un mezzo di trasporto proprio (bicicletta, auto). L'attività si svolgerà approssimativamente tra le 20:00 e l'1:00 del mattino.
  • Da martedì 13 a venerdì 16 febbraio 2024. Gruppi di volontari effettueranno interviste a persone senza fissa dimora ospitate in centri di accoglienza notturna. Le interviste si svolgeranno principalmente nelle ore serali (indicativamente 18:00-22:00)


Come partecipare

L’iniziativa coinvolgerà l'intera area del comune di Milano e richiede la massiccia mobilitazione di volontari e associazioni attive sul territorio: avremo bisogno di circa 1000 volontari, soprattutto la notte di lunedì 12 febbraio!

Saranno di grande aiuto tutti coloro che, dotati di buona volontà, si sentono predisposti al contatto con le persone che vivono in situazioni di forte disagio, persone con competenze di protezione civile o che già collaborano all’erogazione di servizi per le persone dimora, ma anche semplici cittadini interessati a dare il proprio contributo a questa iniziativa.

Le iscrizioni si sono concluse il 4 febbraio 2024. Grazie a tutti coloro che hanno aderito!


Formazione volontari

Ai volontari è richiesta la partecipazione ad un incontro formativo della durata di circa due ore nelle settimane precedenti la rilevazione. In occasione della formazione, gli organizzatori presenteranno i dettagli dell’iniziativa. I volontari potranno ricevere tutte le informazioni relative all’impegno richiesto e chiarire eventuali dubbi.

Le formazioni saranno tendenzialmente in orario serale, per agevolare al massimo i lavoratori e i cittadini che intendono partecipare.

Per maggiori informazioni scrivere a raccontami2024@gmail.com.

Condividiamo qui di seguito i materiali delle formazioni:

SLIDES FORMAZIONE VOLONTARI

SLIDES FORMAZIONE VOLONTARI ESPERTI

Le slides "esperti" sono pensate per coloro che hanno già partecipato a precedenti edizioni di racCONTAMI.

Condividiamo infine una presentazione sul Sistema Grave Marginalità Adulta, a cura del Comune di Milano.

 


Modulo conteggio e questionari

Per arrivare preparati alla rilevazione, è importate conoscere bene gli strumenti di rilevazione che saranno utilizzati nella sera del 12 febbraio e in quelle successive.

Qui di seguito i volontari racCONTAMI possono trovare le versioni di prova del modulo conteggio e dei questionari. A breve saranno aggiunte anche le versioni cartacee dei questionari.

Strumenti di rilevazione 12 febbraio:

  • MODULO CONTEGGIO: [rimosso]
  • QUESTIONARIO STRADA – Versione on line: [rimosso]
  • QUESTIONARIO STRADA – Versione cartacea: [rimosso]

Strumenti di rilevazione 13-16 giugno:


Perché una rilevazione sulle persone senza dimora?

Una rilevazione come “racCONTAMI” è uno strumento che permette di quantificare il fenomeno della povertà estrema in un contesto urbano. La condizione di chi non ha una casa è così grave che una delle sue conseguenze è quella di essere tagliati fuori dalla società, di divenire invisibili agli altri. Per questo motivo, il fenomeno è poco studiato ed è solo marginalmente considerato nel dibattito pubblico.

Questa rilevazione vuole scattare una fotografia della povertà estrema a Milano e raccogliere informazioni sulle cause dell’assenza di dimora e sulle caratteristiche di chi dorme per strada e nei centri di accoglienza notturna attivi in città. Tali dati permetteranno di capire meglio le necessità e le criticità di questa condizione e la sua evoluzione nel tempo. Infine, si potrà migliorare la programmazione di servizi e interventi sul territorio per rendere più incisive le azioni di contrasto alla grave marginalità.

Chi sono le persone senza dimora?

Le persone senza dimora che compongono la popolazione di riferimento di questa rilevazione sono coloro che non hanno una casa nel senso stretto del termine. Sono inclusi tutti coloro che trascorrono la notte in strada o in un luogo pubblico non destinato all’abitazione, come ad esempio panchine, parcheggi, androni dei palazzi, giardini pubblici, aree di stazioni ferroviarie, sale d’attesa degli ospedali, auto e furgoncini. Sono inclusi nella popolazione di riferimento anche coloro che sono accolti nei dormitori di carattere emergenziale presenti sul territorio del Comune di Milano. Saranno censiti sia i cittadini italiani che quelli stranieri, regolari o meno.

Perché diventare volontario?

Tutti possono trovare una valida ragione per diventare volontari di racCONTAMI. L’impegno in un’attività di volontariato come questa, seppur breve, è un modo semplice per aiutare la nostra città. Ma un’esperienza di volontariato è anche un’occasione di arricchimento e crescita personale.

Per chi sta pensando di avvicinarsi a uno dei servizi esistenti per le persone che vivono in condizioni di povertà estrema, può essere l’occasione di entrare in contatto con le associazioni attive sul territorio e per mettersi alla prova sul campo. Per chi ogni giorno vede persone che vivono per le strade e si chiede perché, può essere un modo per capire. Per gli studenti di scienze sociali può essere l’occasione per un’esperienza sul campo. Per chi si occupa di grandi eventi, può essere l’occasione di partecipare alla gestione logistica. Per i policy maker e gli operatori del settore, può essere l’occasione per identificare forme di intervento innovative far fronte a questo problema. Dando voce e un volto agli invisibili, sarà più facile per tutti affrontare con cognizione di causa, senza erronei luoghi comuni, questioni sociali come la povertà estrema e l’assenza di dimora.

Diventare volontario è un primo passo per aiutare la nostra città a combattere l’assenza di dimora!

E' necessario partecipare alla formazione?

Sì. L’incontro di formazione, di circa 2 ore, è necessario per essere coinvolti nelle attività del censimento. La formazione serve per ottenere tutte le informazioni pratiche relative alla rilevazione. Verranno illustrati i vari compiti affidati ai volontari (enumeratori, intervistatori, accompagnatori). Verrà spiegato, ad esempio, come approcciare le persone senza dimora in occasione delle interviste, come raccogliere le informazioni del censimento, come svolgere le interviste e compilare il questionario. Verrà inoltre dedicato del tempo a rispondere ad eventuali domande e a chiarire tutti i dubbi dei volontari.

Con chi effettuerò la rilevazione?

La sera della rilevazione in strada i volontari opereranno in squadre (di 3-4 persone) che verranno formate in modo eterogeneo per quanto riguarda sesso, età, esperienze pregresse con senza dimora e competenze in ambito di protezione civile/sanitario. Chiunque voglia effettuare la rilevazione con una persona che già conosce lo potrà indicare nel modulo di iscrizione, compilando l’apposito form di coppia. Le “coppie” di volontari che si iscrivono simultaneamente saranno inserite nella stessa squadra.

Nelle sere successive, i volontari saranno convocati presso centri di accoglienza notturna dove saranno accolti da un coordinatore e potranno contribuire alla realizzazione di interviste.

E’ necessario parlare italiano? E’ necessario parlare lingue straniere?

Per partecipare alla rilevazione è necessaria una conoscenza almeno intermedia delle lingua italiana, per poter seguire la formazione propedeutica alla rilevazione e per poter interagire con gli altri volontari durante la rilevazione.

La conoscenza di lingue straniere è molto apprezzata, ma non obbligatoria. Una percentuale significativa di persone senza dimora sono stranieri: la conoscenza di lingue straniere può facilitare il contatto e lo svolgimento delle interviste.

Vi sono aspetti legati alla mia sicurezza che devo considerare?

Le attività di formazione forniranno a tutti i volontari le informazioni necessarie per muoversi sul territorio in sicurezza e interagire con le persone senza dimora nei luoghi in cui passano la notte. Le squadre di volontari includono spesso membri esperti, che permettono al team di operare in sicurezza nelle aree assegnate. I volontari non entreranno in edifici abbandonati o luoghi che potrebbero essere rischiosi. Eventuali aree a rischio sono preventivamente segnalate dalle forze dell’ordine e vengono gestite tramite squadre speciali o escluse dalla rilevazione. Infine, tutti i volontari saranno assicurati contro gli infortuni per le attività connesse alla rilevazione.

Come mi muoverò sul territorio?

La rilevazione sarà effettuata a piedi, in bicicletta o in macchina, a seconda delle caratteristiche delle zone da censire e delle disponibilità dei volontari. È previsto che i volontari esprimano una preferenza per quanto riguarda la zona da censire nel territorio di Milano e si cercherà, per quanto possibile, di tenere conto di tali preferenze, compatibilmente con le esigenze organizzative della rilevazione. In alcuni casi, saranno utilizzati mezzi di trasporto di enti che partecipano alla rilevazione. È a cura del singolo volontario il trasporto dalla propria abitazione al luogo di partenza assegnato alla squadra e viceversa.

I minorenni possono partecipare?

E’ possibile l’scrizione di minorenni di 16-17 anni, a condizione che si iscrivano in coppia con un maggiorenne e i genitori compilino un’apposita liberatoria.

Dopo l’iscrizione come volontari, le coppie minorenne-maggiorenne saranno contattate dagli organizzatori per la compilazione dell’apposita liberatoria.



Contenuti correlati



Allegati